Free CSS Templates

Osservazioni ragionate sullo stemma rinnovato della Marina Militare Italiana

Note critiche di scienza araldica

Post Image


Lo stemma della Marina Militare, è probabilmente, il simbolo militare italiano più conosciuto nel mondo.
E’ il simbolo della coesione e dell'appartenenza delle Forze della Marina Militare, porta con sé l'idea di un gruppo di uomini uniti dallo stesso scopo e addirittura dal medesimo destino. Rispettarla, significa che si è dato grande onore alla propria nazione, alla propria città o alle proprie idee.
Lo stemma della Marina Militare italiana è composto da uno scudo diviso in quattro quarti, ognuno dei quali occupato dal blasone di un'importante repubblica marinara (Venezia, Genova, Amalfi, Pisa): nel primo quarto, su sfondo rosso, il leone alato che brandisce una spada, simbolo di San Marco e di Venezia; nel secondo quarto la croce rossa su fondo bianco, simbolo di Genova; nel terzo quarto la croce ottagona bianca su fondo azzurro, simbolo di Amalfi; nell'ultimo quarto, la croce pisana bianca su fondo rosso, simbolo di Pisa, il tutto sormontato da una corona turrita e "rostrata" che deriva dall'emblema che il Senato romano conferiva ai comandanti vincitori di battaglie navali.
Lo studio di Orazio Mezzetti (in questo link trovate l'intero studio: Osservazioni ragionate sullo stemma rinnovato della Marina Militare Italiana) affronta in maniera critica e scientifica le problematiche tecniche e artistiche del nuovo Stemma rinnovato della Marina Militare Italiana, nato da un progetto araldico di Michele D’Andrea (Per uno stemma rinnovato della Marina Italiana) ufficializzato con un foglio d'ordine della marina n. 52 del 16 dicembre 2012.